English Italian French German Spanish Portuguese

Frate Alessandro

Twitter

Welcome, friends, to my Twitter feed where I will be posting updates and messages from my home in Assisi. Here I will show you my latest Thought of the Day which you can follow yourself here.

"Quando l'amicizia e la musica si incontrano regalano a tutti il miracolo di sorrisi indimenticabili. Vi... https://t.co/krJVjrjnPT"

Compra "Voice of Peace" (Voce della Pace)

Galleria

Informazioni su Frate Alessandro

Friar Alessandro

Appena incontri frate Alessandro Brustenghi capisci subito che c'è qualcosa di beato, quasi angelico in lui. Esile e delicato nel suo saio marrone. Quando ci siamo incontrati nella Porziuncola, la Basilica di Santa Maria degli Angeli ad Assisi, mi ha parlato con una certa empatia del santo tormentato e appassionato.

Come San Francesco, frate Alessandro, di 34 anni, ha molte missioni e ha avuto un passato difficile. Il suo cammino verso i voti è stata una complicata ricerca interiore, come lo fu per San Francesco.

Per molto tempo è stato in bilico tra la musica e la fede. Per fortuna la pubblicazione di The Voice from Assisi prova che non ha dovuto sacrificare nessuna delle due. La sua voce è chiara e intrisa di sofferenza. Le canzoni splendide e strazianti allo stesso tempo. Gli occhi di Alessandro hanno un bagliore che non si spegne mai. Nella sua voce si può sentire la sua vera essenza, colma d'amore.

Quando ci ha portato nella cella in cui San Francesco trascorse i suoi giorni è stata chiara l'attrazione verso il santo, un uomo ambizioso e deciso che capì che l'amore verso Dio era la strada migliore. Un uomo che si gettò in un cespuglio di rose spinose per mettere alla prova sé stesso e Dio, per poi scoprire che le rose avevano perso le loro spine ed egli era incolume.

Quelle rose senza spine crescono ancora oggi nel giardino, mentre Alessandro mi racconta la sua storia. "Da ragazzo volevo diventare un percussionista ma sapevo che prima avrei dovuto studiare musica, quindi ho cominciato a studiare l'organo quando avevo 9 o 10 anni.

"All'inizio mi insegnavano solo il solfeggio ma io volevo suonare Bach. Chiesi continuamente al mio insegnante di farmi suonare un pezzo di Bach, e alla fine me ne diede uno che suonai bene. Continuai quindi a studiare pianoforte e organo e a 14 anni scelsi di dedicarmi soprattutto alla musica, così mi iscrissi a una scuola sperimentale dove frequentavo le normali lezioni ma avevo molte, molte più ore di musica.

"Studiavo canto sacro, armonia, composizione, storia della musica e materie classiche come latino e filosofia. Avevo lezione ogni mattina per sei ore poi per tre ore il pomeriggio, ma ero anche iscritto al conservatorio. Alle 6 di mattina partivo da casa mia (in un paesino) per andare a Perugia. Quando andavo al conservatorio, era bellissimo.

"Ho sempre voluto cantare nel coro ma la mia voce non era abbastanza potente. Un'insegnante mi disse che avrei dovuto cantare lo stesso, non perché pensava che avrei potuto migliorare, ma perché aveva bisogno di studenti per riempire la classe. Cominciai a cantare nell'ottobre del 1996 in un'altra classe. La mia voce era ancora debole e alla fine dell'anno, avevo 19 anni all'epoca, mi dissero che non erano convinti e che pensavano che avrei dovuto fermarmi. In quel momento decisi di diventare frate.

"Fu molto particolare, perché sperimentai una conversione dentro di me. Prima della conversione mi piaceva molto l'idea di scrivere i miei pensieri. Credevo nella filosofia, non in Dio. Credevo nella bontà ma non in una persona, il che era molto diverso dall'idea cristiana. Non andavo nemmeno in chiesa. I miei genitori erano cattolici ma non molto praticanti. Mio padre era un impiegato statale e mia madre faceva la casalinga. Mi avevano mandato in chiesa per seguire il catechismo, ma niente di più.

"Avevo fatto un corso di preparazione alla cresima ma poi avevo deciso di fermarmi. In fondo, chi è questo Gesù? La mia fede è fatta dalle mie credenze e dalle mie convinzioni. Ero convinto che le cose materiali fossero di poco conto e che lo spirito fosse molto più importante, e improvvisamente mi resi conto che non volevo essere legato ai beni materiali di questo mondo.

"A 16 anni sentii un'inquietudine, una voce, qualcosa che mi stava chiamando. Mi diceva che era giusto sperimentare di tutto nella vita, anche se era pericoloso. Mi spingeva verso il pericolo e anche verso le droghe. Volevo provare tutto, avevo bisogno di esperienze. Ma qualcosa dentro di me disse di no.

Era un periodo tormentato, una crisi esistenziale, in cui Alessandro sentiva una forza autodistruttiva dentro di sé. Voleva cambiare ogni aspetto della sua vita, ogni cosa in cui credeva e aveva solo fame di pericolo.

"Una voce dentro di me diceva 'Ne sei sicuro? E se poi non riesci a controllarti?' Ero in piena crisi e mi dissi 'Ok Dio, se esisti dammi un segno. Quindi andai in un bosco e mi stesi sul prato. 'Non riesco a pensare più a nulla, ti prego aiutami.' Era un grido che veniva dall'anima e in quel momento sentii dentro di me pace e felicità, sentii di essere in comunione con il tutto il creato. Fu il mio momento 'Fratello Sole, Sorella Luna.' Quello fu anche il momento in cui sentii il legame con la vita francescana, così simile a quell'esperienza.

"Avevo scoperto la presenza di Dio, una presenza nuova, una presenza diversa. Non solo quella sensazione di bontà, ma proprio Dio come persona. Lo sentii vicino a me. Egli è in tutto il creato, è in tutte le persone, lo sentii dentro di me e percepii il suo amore per tutte le persone, e non per le esperienze. Improvvisamente non ero più attirato dal pericolo. Sentivo che l'amore era piú importante, sentivo che se Gesù si era sacrificato, il mio unico modo di ringraziarlo era consacrare la mia vita a lui.

"Ero molto spaventato da questa esperienza, perché avevo sempre voluto diventare un musicista. Volevo avere una famiglia, una moglie e dei figli. Tutto ciò si scontrava con questo nuovo desiderio che era nato dentro di me. Ero in conflitto.

"Poi vidi un film su San Francesco. Anche lui aveva cominciato come mercante ed era giunto alla conclusione che non poteva dipendere dai beni materiali. Tutto questo era dentro di me, ma pensavo 'Sono solo un ragazzo, pensiamoci un po' su per qualche anno. Magari c'è un'altra strada. Magari posso ancora diventare un musicista, pregare e fare qualcosa per gli altri.

Ci ho pensato in continuazione per tre anni. A 19 anni avevo bisogno di aiuto per capire se quella fosse una vera vocazione e se fosse il momento di decidere di lasciare lo studio dell'organo. Così sarei stato in grado di comprendere meglio, perché non era davvero possibile esercitarsi cinque ore al giorno e poi concentrarsi sulla mia vocazione. Fu una scelta molto difficile, ma pensai che la musica e l'organo erano un dono che avrei dovuto sacrificare a Dio. Ovviamente bisognerebbe sacrificare le cose sbagliate, non quelle giuste, ma all'epoca non lo sapevo."

Non sacrificò il canto perché all'epoca non era così importante per lui. Continuai a cantare perché volevo restare legato alla musica, ma non ero ancora molto bravo. Non mi lasciarono nemmeno fare un esame di canto perché mi dissero che tanto non l'avrei superato.

La strada di Alessandro verso la realizzazione della sua vocazione come frate continuò a essere complicata. Gli fu spiegato che non poteva cominciare il postulandato prima di aver superato un esame di canto e gli era stato detto che non era all'altezza dell'esame.

"Non ero sicuro di cosa dovevo fare. Se non avessi continuato nel convento, avrei dovuto prendere un qualche diploma. Sentivo anche che era positivo avere una certa disciplina interiore. Hai cominciato un percorso di studi, non ti fermare, vai fino in fondo. Decisi quindi di cominciare a fare pratica con esercizi di respirazione. Era come scalare una montagna, ma studiavo per ore e ore ogni giorno con il respiro che sembrava ogni volta sul punto di mancare e ci fu un miracolo, un miracolo di esercizio e un miracolo di Dio.

Fu il suo instancabile desiderio di seguire la sua vocazione che portò Alessandro a scoprire la sua voce. Non era stata la sua voce a portarlo alla vocazione, ma la vocazione l'aveva condotto alla sua voce. Fu davvero un dono di Dio.

"Trovai la mia voce. Superai l'esame a pieni voti. Iniziai ad apprezzare l'opera. Incontrai un frate che mi fece conoscere le voci dei grandi tenori. Mi unii all'ordine e durante il mio postulandato dissi al mio padre spirituale che volevo smettere di cantare, che volevo solo essere un frate per lavorare e pregare insieme. Ma mi rispose 'No, tu continuerai. È un talento che viene da Dio, non puoi buttarlo via.'

"Così ho continuato a cantare in concerti ed esibizioni, e poi il mio maestro mi disse 'Ora devi fermarti.' All'inizio è stato difficile, ma dopo sentii una forza nuova perché avevo capito che la musica era in me. Fu un altro legame spirituale. Quel dono di Dio era nel mio cuore. Quando mi risvegliai il mattino seguente sentivo melodie nel mio cuore.

"Era stata una prova, e quando il mio padre spirituale scoprì che ero in pace con me stesso e che ero stato in grado di smettere di cantare, mi disse che avrei potuto riprendere dopo due mesi. Presi i primi voti temporanei e in seguito iniziai lo studio per la professione finale. Poi ebbi una forte crisi mistica. Non credevo nella mia vocazione. Non mi è chiaro il motivo.

"Chiesi aiuto. Mi dissero che era stata solo una tentazione. Così dopo la crisi, che fu nel novembre 2001, decisi di fare come San Francesco e vivere come un eremita, in solitudine. Avrei potuto lavorare il legno e non indossare l'abito. Non ero tentato da una vita profana all'epoca. Non volevo avere una fidanzata; non era quel genere di tentazione. Si trattava più che altro di capire se Dio volesse che io diventassi un frate francescano. Come potevo farlo se sembrava che il diavolo mi stesse distogliendo da quel proposito?

"Credevo in Dio, ma forse in un altro dio. Volevo sentirlo dentro di me. Aspettai fino a sentirmi un fratello di tutti gli uomini e un fratello di tutti i frati ma non avevo il coraggio di chiedere di essere riammesso. Aspettai per 3 anni e fu una specie di autopunizione. Continuai a cantare, a lavorare il legno e a riparare vecchi strumenti musicali.

"Alla fine compresi che avrei dovuto ritornare e che avrei continuato a cantare. Canto spesso canzoni napoletane e brani d'opera che non sono religiosi. Perché no? La gente pensa 'Ma perché il frate sta cantando una canzone d'amore?' Beh perché non dovrei farlo? Non è necessario che io viva ciò che canto. Faccio solo da tramite. Sono un uomo, una creatura. Provo dei sentimenti dentro di me ma li uso per comunicare così da poter cantare tutto ciò che voglio, tutto ciò che è bello."

I tre anni che ha passato in solitudine sono stati lunghi e sofferti. "Cantavo e piangevo ogni giorno." Quando si decise a rientrare nel convento dei frati nel gennaio del 2005 la sua voce era colma dell'amore di cui parla. Era cresciuto sia mentalmente che spiritualmente e c'era più equilibrio nella sua vita musicale e spirituale.

"Il viaggio non fu facile, ma sentii finalmente che avevo l'equilibrio necessario per fare entrambe le cose.  Dopo la professione perpetua nel 2009 pensavo che forse avrei dovuto smettere di cantare e chiesi un segno. Ero alla celebrazione della preghiera vespertina, quando terminò, un uomo si avvicinò dicendomi 'La sua voce è fantastica. Dio le ha dato un dono stupendo. Quando ha cominciato a cantare ho sentito qualcosa di incredibile dentro di me.' Pensai che quello era un segno di Dio."

Alessandro stava cantando in una piccola chiesa nel 2011, quando gli fu chiesto di fare un'audizione discografica. L'impresario fu molto colpito e portò la sua scoperta alla Decca Records, dove furono ugualmente impressionati dal frate titubante con la voce miracolosa. Scoprirono che era un tenore straordinario, dalla voce vellutata e calda. Ed è diventato il primo frate a firmare un contratto con una grande etichetta discografica, la Universal Music Group.

"Ero spaventato dalla dimensione di questo progetto, ma sentii anche che tutto questo era accaduto per un motivo, forse una missione, forse attraverso Dio. Non mi piacciono molto la popolarità, le telecamere o i giornalisti, e il denaro verrà ovviamente destinato alle attività dell'Ordine dei Frati Minori.

"Abbiamo deciso con il produttore, Mike Hedges, di incidere un album di canti religiosi popolari con alcune canzoni speciali di San Francesco. Ci sono poesie scritte e musicate da lui che sto cercando di ricostruire."

Mike Hedges, produttore noto per il suo lavoro con U2, Manic Street, Preachers e The Cure, ha percepito la forza dell'amore e della bellezza nella voce di Alessandro. L'album che hanno inciso, The Voice from Assisi, registrato negli storici studi di Abbey Road, è pieno di passione, storia e soul.